Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Rendere visibile l’azione degli elementi – Leonardo e il paesaggio

aprile 17 @ 6:00 pm - 8:00 pm

(dal sito dell’Accademia di Francia Villa Medici)

Mercoledì 17 aprile, ore 18

Interventi: Gregory Quenet, Carlo Vecce con Claudio Giorgione

In collaborazione con le Scuderie del Quirinale

I disegni di Leonardo, strumenti principali per indagare gli effetti della natura sul paesaggio, ci portano a riflettere sul complesso rapporto tra osservazione e ambiente, al centro del pensiero contemporaneo. Approfondiamo il contesto di Leonardo e il suo approccio all’indagine scientifica

Gregory Quenet

Tra i maggiori specialisti europei della storia ambientale, è membro de l’Institut universitaire de France e Professore ordinario di storia all’Università di Saint-Quentin-en-Yvelines. E’ autore di monografie e saggi dedicati alla storia della natura e alle sue trasformazioni.

Carlo Vecce

Professore Ordinario di letteratura italiana all’Università di Napoli “L’Orientale”, filologo e studioso del Rinascimento, ha lavorato sui manoscritti di Leonardo pubblicando un’antologia di scritti e una biografia tradotta in diverse lingue. Membro della Commissione Nazionale Vinciana, ha collaborato a mostre di disegni e manoscritti di Leonardo in Italia e all’estero

Claudio Giorgione

Storico dell’arte, Curatore del Dipartimento Leonardo, Arte e Scienza al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano dove lavora dal 1997. Ha curato e collaborato all’ideazione di diverse mostre dedicate a Leonardo Da Vinci in Italia e all’estero.

Dettagli

Data:
aprile 17
Ora:
6:00 pm - 8:00 pm
Categoria Evento:
Tag Evento:
, ,

Luogo

Villa Medici Accademia di Francia a Roma
viale Trinità dei Monti, 1
Roma, Roma Italia
+ Google Maps

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.