Heimat: una parola, mille significati

Heimat, una parola tedesca intraducibile. Che cosa significa?

Articolo di Jeannette Franke

Come tedesca dovrei saperlo. Spiegaci il concetto, mi è stato chiesto. Vivo da due anni a Roma, ho vissuto in Germania e Francia, sono cresciuta nella Germania dell’Est, sono poliglotta, ho amicizie internazionali. Ma che cosa e dove è Heimat? Non è facile trovare una spiegazione adeguata a un termine così complesso. In generale si parla di Heimat per definire il rapporto delle persone con uno spazio. Ma è il luogo nel quale si è nati e cresciuti? Casa propria? Sono le persone che si associano a un luogo? È la lingua, Heimat? È un odore? Che cosa crea Heimat? Un legame? La sicurezza? Heimat si può perdere e ritrovare. Il tedesco Herbert Grönemeyer canta: “Heimat non è un luogo, Heimat è una sensazione.” Questa frase rende bene l’idea, ma solleva una nuova domanda: è possibile sentire Heimat quando si è “nell’Heimat”? Non ho una risposta univoca, ma penso che Heimat si possa sentire solo quando si è distanti (non è nostalgia comunque!). Con sensazioni positive e negative. Ognuno le porta con sé come una valigia, anche quando si è senza Heimat. L’approccio può solo essere individuale, perché ogni persona ha il proprio orizzonte di esperienze sociali e storiche con cui definire Heimat per se stessa.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.